Azione a fuoco

Azione a fuoco

Il valore e il significato che per noi artiglieri riveste il PEZZO è magnificamente esplicitato da queste parole tratte dalle motivazioni delle decorazioni al Valor Militare del Reggimento Artiglieria a Cavallo (lo Stendardo delle Batterie è il più decorato stendardo dell’Arma di Artiglieria, fregiato di una Medaglia d’Oro al Valor Militare, cinque Medaglie d’Argento al Valor Militare, una Medaglia di Bronzo al Valor Militare e una Medaglia d’Oro al Merito della Sanità Pubblica):

“…In una fase ondeggiante della lotta, soverchiati e superati i suoi pezzi dalla rabbiosa imponenza numerica di un nemico quattro volte superiore, li restituiva all’orgoglio del successo con l’impeto degli artiglieri…” MAVM Fronte Russo: Chazepetowka – Mikailowka – Iwanowka, Agosto 1941 – Maggio 1942

“…ha arginato, anche alle brevi distanze, la fanatica irruenza dell’avversario cui più volte, idealmente emulo dei fatti delle antiche batterie a cavallo, ha sottratto a corpo a corpo i propri cannoni minacciati di accerchiamento…” MAVM Fronte Russo: Nikitino – Tschebotarewski – Dewiatkin – Bolochoij, 20-30 Agosto 1942

“…Fiero di essere a guardia delle tradizioni delle vecchie Volòire, fornendo esempi sublimi di eroismo ed altruismo, si sacrificava nella totalità attorno a quei pezzi, che solo la inesorabile massa d’acciaio nemica, annientandoli col suo peso, riusciva a far tacere…” MAVM Fronte Russo: Medio Don – Scheljakino – Warwarowka – Tschuprinin, Novembre 1942 – Gennaio 1943

Battaglia di Custoza, 24 giugno 1866

Battaglia di Custoza, 24 giugno 1866 (Lemmo Rossi, olio su tela)

Senza contare, poi, il sublime portamento del nostro Capitano Roberto Perrone Conte diSan Martino, che nella Battaglia di custoza del 24.VI.1866 si guadagnò la medaglia d’oro al Valor Militare con la seguente motivazione: «…Rovesciatosi un pezzo giù per la china del Belvedere, per dare tempo ai serventi di raddrizzarlo, egli caricò a piedi con pochi granatieri, sparando tutti i colpi del suo revolver e di un fucile raccolto a terra. Rimasto pressoché solo si ritirò l’ultimo allora quando riconobbe perduta ogni speranza di mettere in salvo il pezzo. Belvedere di Custoza, 24 giugno 1866».

Fiero e orgoglioso di essere un artigliere del più bel Reggimento del mondo.

Annunci