Tag

, , , , , , , , ,

Alla luce delle recenti novità relative al destino del nostro Reggimento (trasferimento dalla storica sede di Milano a Vercelli), il Generale Camillo de Milato (68° comandante), il Colonnello Giulio Croce (59° comandante e presidente dell’Associazione Voloire) e altri cento promotori, dei quali mi onoro di far parte, hanno lanciato una petizione da consegnare alle Autorità nazionali e locali.

La petizione verrà consegnata ad aprile. Dobbiamo far presto: “Celerrime volant“.

Per chi volesse aderire, qui i link per

Sarebbe opportuno condividere e far conoscere la petizione il più capillarmente possibile: ad amici, parenti, associazioni combattentistiche e d’arma, di volontariato (ricordiamo l’IPPOTERAPIA nata grazie alle Batterie che si meritarono la M.O. al merito della sanità pubblica e che tanto continuano a fare) e a quanti altri ritenete possano condividere questa battaglia, facendo loro sottoscrivere il modulo.

Il modulo, stampato, debitamente compilato e sottoscritto, dovrà essermi re-inviato entro la fine di marzo:

  • scansionato digitalmente via e-mail a petizione@caricatvoloire.it oppure
  • via fax al n. 035 38 43 595  oppure
  • via posta ordinaria al mio indirizzo: Studio Legale Avv. Yuri Tartari – viale Papa Giovanni XXIII n. 31 – 24050 Grassobbio BG

Con la garanzia che tutti i dati conferiti verranno trattati nel rispetto delle regole vigenti, trasmetto un grazie anticipato a tutti coloro che manderanno la propria adesione.

PETIZIONE

Recentemente il Ministero della Difesa ha programmato, in applicazione delle disposizioni normative contenute nella legge comunemente nota come “spending review”, il trasferimento di sede del reggimento artiglieria a cavallo da Milano a Vercelli.

In ordine a tale trasferimento si rappresenta quanto segue:

1.      Il reggimento artiglieria a cavallo è l’unico reggimento operativo che rimane a Milano ed è utilizzato anche per l’operazione “strade sicure”. Non dimentichiamo che nel 2015 milano ospiterà expo-2015, con misure di sicurezza eccezionali;

2.      Il reggimento artiglieria a cavallo è a Milano da 126 anni e  fa parte della sua storia: fino al 1931 era situato presso l’attuale tribunale di Corso di Porta Vittoria, da allora presso l’attuale Caserma Santa Barbara di piazza Perrucchetti;

3.      La seconda città d’Italia non può non avere un reggimento all’interno della propria area municipale;

4.      Il reggimento artiglieria a cavallo fa parte della storia della Città, con migliaia di milanesi che vi hanno prestato servizio e con decine di migliaia di italiani che hanno conosciuto Milano;

5.      “Salviamo il soldato Ryan”: Milano ha già perso (trasferiti) il 5° reggimento alpini, il 3° reggimento savoia cavalleria, il 3° reggimento bersaglieri (il reggimento più decorato). Non perdiamo l’ultimo;

6.  il reggimento a cavallo supporta, con propri cavalli, l’Associazione ANIRE, che pratica l’ippoterapia all’interno della caserma, a favore di diversamente abili,  valsa al conferimento della medaglia d’oro alla sanità pubblica;

7. Grazie alle scuderie ed un campo idoneo, vengono svolti campionati di equitazione, una specialità che necessita di attrezzature e logistiche particolari;

8.      Le esigenze della spending review ministeriale (e del piano generale del territorio cittadino) possono essere realizzate dalla vendita dei 34 ettari di piazza d’armi, alle spalle della caserma. Inoltre i 18 ettari del comprensorio sono ridondanti: il reggimento può “vivere” con un terzo degli spazi. Se poi è strategico avere tutti i 18 ettari del comprensorio, si finanzi la costruzione di una caserma più piccola, ma sempre nel Comune di Milano.

Per quanto precede, ci si rivolge alla Sua Autorità, attraverso la presente “petizione”, che raccoglie e sta raccogliendo numerose firme di sottoscrittori, affinché vengano posti in atto tutti gli strumenti a disposizione del Comune di Milano allo scopo di evitare il trasferimento del reggimento artiglieria a cavallo in altro Comune.

Milano non può e non deve rinunciare ad un pezzo della sua identità e della sua storia.

I promotori della Petizione:

  • Camillo de Milato, Forum delle Associazioni
  • Antonio Arosio, pres. Croce Rossa Provincia Milano
  • Alessandro Baldacchini, editore
  • Filippo Maria Baù, commercialista
  • Eliadora Bazzoli, architetto
  • Paola Belardinelli, avvocato
  • Giuseppe Benedetti, investment banker
  • Benito Benedini, pres. nazionale Cavalieri del Lavoro
  • Laura Bertolè Viale, avvocato generale
  • Laura Bettaglio, Croce Rossa, già ispettrice regionale IIVV
  • Luigi Boffi, pres. ANA Milano
  • Amilcare Bonacina, dirigente in pensione
  • Francesca Bonacina, dirigente bancario
  • Roberto Bonin, giornalista
  • Claudio Bonvecchio, filosofo e docente universitario
  • Mario Boselli, pres. Camera Nazionale della Moda Italiana
  • Giovanni Bozzetti, pres. Bozzetti Group
  • Alberto Bruno, Protezione Civile, già commissario provinciale CRI
  • Giuseppina Bruti Liberati, già pres. PASFA
  • Claudia Buccellati, imprenditrice e pres. Onlus
  • Alberto Buscaglia, regista
  • Angela Calvini, giornalista
  • Daniele Carozzi, giornalista
  • Guglielmo Cavalchini, imprenditore, Delegato Regionale SMOM
  • Paola Chiesa, scrittrice
  • Danièle Nicolas Citterio, medico, pres. Onlus
  • Fabrizio Colonna, avvocato
  • Davide Pietro Comi, imprenditore
  • Domenico Contestabile, avvocato, già Senatore della Repubblica
  • Dario Cova, storico, primario emerito P.A.Trivulzio
  • Giulio Croce, pres. Associazione Voloire
  • Carla de Albertis, pres. Associazione no profit
  • Luigi de Finis, architetto
  • Luca de Giorgi, pres. Onlus
  • Giuseppe de Grazia, già membro della Camera dei Deputati
  • Barbara di Castri, scrittrice
  • Alda di Camerati Ganassini, amministratrice
  • Giuseppe d’Urso, amministratore delegato NuovEnergie S.p.A.
  • Giovanni Fantasia, pres. Ente di Diritto Pubblico
  • Michela Ferrari, architetto
  • Marina Figini, avvocato
  • Eugenio Gallera, già governatore Distr. Lions
  • Luciano Garibaldi, giornalista e storico
  • Marilena Ganci, Rosa Camuna
  • Maria Rita Gismondo, primario medico, pres. Fondazione Onlus
  • Nicolò Giustiniani, imprenditore
  • Alberto Grancini, revisore contabile
  • Filippo Grassia, giornalista, assessore regionale allo sport
  • Antonio Grondona, ingegnere
  • Ilaria Grosso, dirigente medico
  • Daniela Guadalupi Gennaro, imprenditrice, pres. Ass. Rosa Camuna
  • Giancarlo Guccione Prata, dirigente assicurativo in pensione
  • Antonia Guidobono Cavalchini, past pres. PASFA Milano
  • Aldo Iberti, ingegnere
  • Cesare Giovanni Jonghi Lavarini, imprenditore
  • Giusy Laganà, pres. regionale Mutilati ed Invalidi
  • Luigi Martino-Volta, avvocato
  • Giovanni Battista Litta Modignani, pres. Circolo Unione
  • Ambrogio Locatelli, imprenditore
  • Uberto Lupinetti, pres. regionale FISE
  • Andrea Melacini, ortodonzista
  • Salvatore Messina, avvocato, già Direttore Banca d’Italia-Milano
  • Walter Migliore, pres. AIDD
  • Francesco Molfese, avvocato
  • Claudio Mombelli, amministratore delegato
  • Liliana Mussi, avvocato, imprenditrice
  • Amos Nannini, pres. Società Umanitaria
  • Marinella Boverio Navarrini, pres. PASFA
  • Roberto Nera, avvocato
  • Antonino Nicoloso, medico
  • Gabriele Pagliuzzi, pres. Assoarma
  • Anna Panceri Manzi, Lions
  • Andrea Parisi, avvocato, delegato URFI
  • Thomas Parma, imprenditore
  • Cesara Pasini, consulente di direzione, Lions (2° Vice Governatore)
  • Luca Passioni, avvocato
  • Michele Pavesi, consulente Finanziario e pres. Club Rotary
  • Riccardo Perdomi, pres. Onlus e Rotary
  • Tiziana Perfetti, psicologa
  • Anna Pesenti, giornalista
  • Claudio Procaccini, imprenditore
  • Pino Ramazzotti, giornalista
  • Carlo Re, medico
  • Carlo Rebay, commercialista
  • Ennio Reggiani, pres. Associazione Regina Elena Onlus
  • Principia Bruna Rosco, pittrice, pres. ass. socio-culturale
  • Gabriella Rossi, imprenditrice
  • Alberto Sandoli, imprenditore, pres. ass. culturale
  • Franz Sarno, avvocato
  • Gian Maria Setti Carraro, mercante d’arte
  • Maurizio Sordi, architetto
  • Pierfranca Suter, relazioni pubbliche
  • Riccardo Tagliabue, docente universario, giornalista pubblicista
  • Yuri Tartari, avvocato, consigliere ANARTI Milano
  • Mario Venegoni, imprenditore
  • Alessandro Vento, Ceo Azienda
  • Giorgio Venturini, commercialista
  • Luigi Vergani, operatore sociale
  • Tomaso Vialardi di Sandigliano, pres. Ass. europea amici archivi storici
  • Giorgio Viappiani, imprenditore
  • Rossella Vitali, avvocato