Durante una suggestiva cerimonia militare al campo sportivo “Al Bione”, svoltasi sabato 7 maggio 2011 davanti a centinaia di cittadini lecchesi plaudenti e ad alcune scolaresche entusiaste, il Reggimento Artiglieria a Cavallo ha ricevuto la cittadinanza onoraria della Città di Lecco.

Il conferimento dell’ennesimo prestigioso titolo d’onore è avvenuto innanzi ad un granitico e compatto schieramento militare formato dalla Sezione a Cavallo del Reggimento, da un blocco del Reparto Militare della Croce Rossa Italiana e da un blocco di artiglieri e paracadutisti della Riserva.

A consacrare la solennità della cerimonia erano schierati il pluridecorato Stendardo delle Batterie a Cavallo, simbolo della storia gloriosa delle Voloire, nonché i Gonfaloni della Città e della Provincia di Lecco e i Labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.

Dopo gli onori militari hanno preso la parola il Sindaco e il Prefetto di Lecco, i quali, con parole commosse e vibranti di amor patrio, hanno ricordato la storia gloriosa delle Batterie a Cavallo, non senza illustrarne l’operoso presente in Patria (Operazione “Strade sicure” e ippoterapia) e nelle missioni di pace all’estero (Operazione “Leonte” in Libano).

Al termine delle allocuzioni delle Autorità civili si è svolto il solenne rito del conferimento della cittadinanza al Reggimento con la lettura della motivazione da parte del Sindaco e con la consegna di una pregiata targa al Colonnello Valentino de Simone, 76° Comandante delle Batterie.

In un clima di così fervente ardore patriottico — anche per la felice coincidenza del 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia con il 180° anniversario della costituzione delle Batterie — non poteva mancare il ricordo dei tanti caduti per l’unità e la grandezza della Patria Italiana, celebrati con il passaggio in rassegna dello schieramento da parte del “cavallo scosso” e con la lettura della Preghiera dell’Artigliere da parte di un reduce della Campagna d’Africa decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare.

All’insegna delle entusiastiche acclamazioni del pubblico, la cerimonia si è conclusa con lo spettacolare e impeccabile “carosello” della Sezione a Cavallo e con un altrettanto spettacolare ed arditissimo lancio dimostrativo di paracadutisti sul campo.